Il fondamentalismo islamico: una risposta sbagliata alla domanda di democrazia

##plugins.themes.bootstrap3.article.main##

Resumo

Parlare del fallimento delle primavere arabe come di una sconfitta, che ha favorito, da un lato, la restaurazione di regimi autoritari e, dall’altro, il rafforzamento dei movimenti fondamentalisti, è riduttivo. L’articolo si propone di mostrare come i movimenti collettivi, che hanno animato le proteste nelle maggiori piazze delle capitali di molti Paesi arabi, hanno interpretato il bisogno di cambiamento politico ed economico che da troppi anni è stato ignorato o represso dai regimi al potere. Tali movimenti sono l’espressione di un contro-movimento politico alternativo a quanti, in questi anni, inneggiando all’islam, hanno teorizzato e messo in pratica la lotta armata rivoluzionaria. La differenza fra questi due tipi di movimenti collettivi sta nella diversa posta in gioco che essi pongono al centro della loro azione. Per i movimenti di rivolta, la battaglia politica è per l’avvento della democrazia, per i movimenti fondamentalisti è, invece, in buona sostanza, la costituzione di un ferreo regime della verità religiosa, ancor più autoritario dei regimi politico-militari che si sono ripresi il potere dopo il 2012.

##plugins.themes.bootstrap3.article.details##

Como Citar
PACE, V. Il fondamentalismo islamico: una risposta sbagliata alla domanda di democrazia. HORIZONTE - Revista de Estudos de Teologia e Ciências da Religião, v. 18, n. 57, p. 955, 31 dez. 2020.
Seção
Artigos/Articles: Dossiê/Dossier
Biografia do Autor

Vincenzo Pace

Doutor em Sociologia pela Università degli Studi di Padova (1968). Professor emérito de sociologia das religiões na Universidade de Pádua, foi Directeur d'études Invité na EHESS (Paris) e Presidente do International Society for the Sociology of Religion (ISSR). Ministrou cursos na Universidade Federal do Rio Grande do Sul e na Pontifícia Universidade Católica de Goiânia. Co-editor da Annual Review of the Sociology of Religion, colaborando com as revistas Archives des Sciences Sociales des Religions, Social Compass, International Journal of Latin-American Religions e Religioni & Società. Ele se interessa por movimentos fundamentalistas, pela sociologia do Islã e pela religião digital. Entre suas publicações recentes: Cristianesimo extra-large : la religione come spettacolo di massa, Bolonha, EDB 2018; The Other Buddha. Leaving Monasteries, Fighting the Enemy, in R. Jelle, M. Leone, J. Ponzo (eds.), Mediation and Immediacy, Berlin, De Gruyter 2020, pp. 180-202.

Referências

A. Duranti, Il rosso e il nero e la rivoluzione della modernità, Roma, Aracne, 2007.
A. Rouadjia, Les frères et la mosquée, Paris, Karthala, 1990.
C. Wilson, A. Dunn, “The Arab Spring/Digital Media in the Egypt Revolution”, in Journal of Communication-Annenberg School, 5, 2011, 1248-1272.
E. Pace, Il regime della verità, Bologna, Il Mulino, 1990.
F. Khosrokhawar, Sociologie de la revolution iranienne, Paris, Presses de la FNSP, 1993.
F. Khosrokhavar, L’islamisme et la mort, Paris, L’Harmattan, 1995.
G. Loccatelli, Twitter e le rivoluzioni, Roma, Editori Riuniti, 2011.
H. R. Ebaugh, The Gülen Movement: a Sociological Analysis, Springer, New York, 2009.
J, Esposito, I. Yilmaz, Islam and Pleacebuilding: Gülen Movement Initiatives, Clifton, NJ, Blue Dome Press, 2010.
J. Menchik, Islam and Democracy in Indonesia, New York, Cambridge University Press, 2016.
Kepel, Gilles, Fitna, Paris, Gallimard, 2004.
L. El-Houssi, Il risveglio della democrazia. La Tunisia dall’indipendenza alla transizione, Roma, Carocci, 2013.
M. Rosati, The Making of a Post-Secular Society: A Durkheimian Approach to Memory, Pluralism and Religion in Turkey, Farnham, Ashgate, 2015.
M. Di Liddo, A. Falconi, G. Iacovino, L. La Bella, Il ruolo dei social netwrok nelle rivolte arabe, Roma, Ce.S.I. (Centro Studi Internazionali), 2011.
M. Campanini,, Storia dell’Egitto contemporaneo, Roma, Edizioni Lavoro, 2005.
M. Campanini, Storia del Medio oriente, Bologna, Il Mulino, 2006.
N. Giordanella, Rivoluzioni arabe e social network, Milano, Il Saggiatore, 2012.
N. Nabavi (ed.), From Theocracy to the Green Movement, London, Palgrave MacMillan, 2012.
R. Guolo, La via dell’imam, Roma-Bari, Laterza, 2007.
S.M. Torelli, La Tunisia contemporanea, Bologna, Il Mulino, 2015.
T. Groppi, I. Spigno (a cura di), La primavera della Costituzione, Roma, Carocci, 2015.
Y. Courbage, E. Todd,, L’incontro delle civiltà, Milano, Tropea, 2009.